Egitto, ultimatum esercito a Morsi: 48 ore per risolvere crisi. Forze armate minacciano di intervenire se presidente non agisce

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
16 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il Cairo, (TMNews) - L'esercito egiziano entra in campo nella sanguinosa partita che si sta giocando fra cittadini e governo di Mohamed Morsi, a colpi di manifestazioni per chiederne le dimissioni e di repressione violenta. Con un messaggio trasmesso dalla tv di Stato egiziana, le forze armate hanno minacciato un loro intervento."L'esercito ribadisce la richiesta che le rivendicazioni del popolo vengano soddisfatte entro 48 ore, ultima chance di prendersi le proprie responsabilità di fronte alle circostanze. Se le richieste del popolo non fossero soddisfatte entro questo periodo - continua il comunicato letto in tv - le forze armate annunceranno una futura roadmap e provvedimenti per supervisionare la sua realizzazione".Un ultimatum al governo che è stato accolto con un boato di gioia dai manifestanti di Piazza Tahrir che non hanno mai abbandonato il luogo cuore delle proteste dopo i cortei di domenica 30 giugno, il giorno della mobilitazione di massa per chiedere le dimissioni di Morsi, primo presidente egiziano liberamente eletto un anno fa, dopo la caduta del regime di Mubarak.(Immagini Afp)

0 commenti