Mosca, tra i passeggeri in transito scatenata la caccia a Snowden. Nato un gioco tra i viaggiatori per scoprire dov'è l'ex spia

askanews

per askanews

886
27 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Mosca (TMNews) - La vincenda dell'ex spia americana Edward Snowden, l'uomo del "Datagate" che ha svelato l'esistenza di una rete di spionaggio governativa a danno dei cittadini americani, è già stata ampiamente paragonata alla storia raccontata da Stephen Spielberg nel film "The Terminal" in cui Tom Hanks è costretto a vivere nel terminal di un aeroporto.Esattamente come Snowden, bloccato nell'area transiti dell'aeroporto di Mosca perché privo di visto e passaporto e quindi impossibilitato a mettere piede in territorio russo, in attesa di proseguire il viaggio verso il paese che gli offrirà asilo e protezione.Ma si sa, spesso la realtà supera anche la più cinica delle fantasie e così nell'aeroporto Sheremetyevo di Mosca si è scatenata una vera e proprIa "caccia all'uomo" tra i turisti americani in transito, per cercare di avvistare la spia in fuga."Ormai - spiega questo ragazzo - sta diventando quasi un gioco tra i viaggiatori: capire dov'è rintanato Edward Snowden"."Qualcuno - aggiunge questa coppia - andava in giro con la sua foto sul giornale a chiedere informazioni, nei negozi del duty free, al bar ma tutti rispondevano "niet", nessuno sa dove sia".Insomma la caccia a Snowden è la ciliegina sulla torta in questa spy story surreale dai risvolti tragicomici che ha rischiato anche di compromettere i rapporti diplomatici tra Russia e Stati Uniti. Intanto Snowden è stato anche scaricato dall'Ecuador, impossibilitato a concedergli asilo per la macncanza dei documenti necessari.

0 commenti