Greenpeace, uno striscione galleggiante per dire no al carbone. L'azione davanti alla centrale Enel di Civitavecchia

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

880
35 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Civitavecchia, (TMNews) - Uno striscione di 1.500 metri quadri per dire no al carbone. L'azione dimostrativa degli attivisti di Greenpeace è andata in scena davanti alla centrale termoelettrica Enel di Civitavecchia. Gli attivisti hanno raggiunto con dei gommoni lo specchio d'acqua d fronte alla centrale e poi hanno srotolato l'enorme striscione galleggiante con scritto "No carbone, Quit Coal". Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. "Se vogliamo salvare il clima è da questi luoghi che dobbiamo partire". Greenpeace chiede a Enel di dimezzare la sua produzione a carbone entro il 2020 e di azzerarla al 2030, di rinunciare ai progetti di nuove centrali a carbone e di sostituire la produzione con fonti pulite e rinnovabili.

0 commenti