Ideogrammi addio, scrittura cinese a rischio con gli smartphone. Su tastiera caratteri semplificati, puristi lingua in rivolta

askanews

per askanews

898
416 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Cina, (TMNews) - Migliaia di ideogrammi da sapere a memoria, studenti costretti a ore di pratica per imparare a scrivere. In Cina il tramandarsi di una cultura millenaria passa anche per la scrittura, ma in tempi di smartphone e tablet le antiche usanze stanno cambiando. Un tempo bisognava imparare i caratteri a memoria, oggi si trovano già pronti sulla tastiera. A Hong Kong e Taiwan basta digitare le prime sillabe dell'ideogramma, e poi si sceglie tra le opzioni proposte, mentre nella Cina continentale è in voga una versione fonetica del cinese che usa l'alfabeto latino: ricordare a memoria gli ideogrammi non serve più."Così è facile dimenticare anche i caratteri più semplici, qualche volta uso solo la versione fonetica" rivela un insegnante di calligrafia. Lo stesso succede in Giappone, dove si usano tre alfabeti basati sugli ideogrammi cinesi. "Prima ci si ricordavano i caratteri a memoria e bisognava scrivere ideogrammi complicati in modo pulito. Oggi i giovani devono imparare altre cose, l'inglese per esempio, che si rivelano più utili" dice un'insegnante. I puristi della lingua sono in rivolta: Rebecca Ko manda da otto anni la figlia a scuola di calligrafia. "Non possiamo fare troppo affidamento sui computer, dobbiamo saper scrivere e bene, è alla base dell'essere cinesi" dice la signora. I programmi scolastici sono in linea con il suo pensiero: nonostante il boom tecnologico, la calligrafia resta materia obbligatoria nella scuola primaria e secondaria cinese.(immagini Afp)

0 commenti