Al via la Maturità con la prima prova, spunta a sorpresa Magris

Prova il nostro nuovo lettore
altarimini
9
10 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Come ogni anno i pronostici della vigilia per la prima prova della Maturità sono stati smentiti. I rumors del web indicavano tra i temi il femminicidio, Ungaretti, Pascoli e D'annunzio: gli studenti hanno invece dovuto affrontare un brano di Claudio Magris (da "L'infinito viaggiare"), saggista vivente, studioso della cultura mitteleuropea e della letteratura del mito asburgico. La maggioranza dei ragazzi ha candidamente ammesso di essere entrata in crisi proprio davanti a questa inaspettata traccia. "L'analisi testuale era infattibile, dopo Montale, Ungaretti e Montale, gli ultimi tre anni, quest'anno è uscito Magris che era sconosciuto, non credo che nessuno l'abbia fatto - racconta uno studente appena uscito dalla prima prova -- mentre le altre tracce erano abbastanza fattibili".
Tra le tracce proposte ai candidati una relativa agli omicidi politici, con riferimento a quelli avvenuti nel '900: dall'omicidio del duca Ferdinando nel 1914 a Sarajevo a quello di Giacomo Matteotti nel 1924, alla morte di J.F. Kennedy a Dallas nel '63 fino al rapimento ed esecuzione di Aldo Moro nel '78. E ancora la relazione individuo-società di massa attraverso testi di autori tra i quali Pasolini, Montale, Canetti, i Paesi emergenti (per il tema storico), Stato, mercato e democrazia (tema socio-economico) corredato da testi di vari autori tra i quali Krugman e Zingales. "La ricerca deve scommettere sul cervello" il tema scientifico. Un'immagine video di "Lascia e raddoppia" del 1956, un dipinto di Renato Guttuso, "CaLciatori" del 1965, e uno dei più famosi ritratti di Andy Warhol, la splendida Marilyn Monroe (1967): sono tra i documenti allegati per la traccia "Individuo e società di massa" proposto per la Tipologia B (saggio breve o articolo di giornale) nell'ambito artistico-letterario.
Le classiche "perquisizioni"ad inizio della prova volte a controllare la presenza di eventuali bigliettini, non sono state estremamente dure. "Sono andati molto sulla fiducia - racconta un ragazzo - Il Presidente ci ha istruito ad inizio della prova su quello che potevamo e non potevamo fare. Con molta fiducia e sincerità non ci è stato a "perquisire"".
Giovedì gli studenti si cimenteranno nella seconda prova, diversa da indirizzo a indirizzo. Al liceo Classico Latino, allo Scientifico Matematica, al Linguistico Lingua straniera, al Pedagogico Pedagogia, all' Artistico Disegno geometrico, Prospettiva, Architettura.

0 commenti