Dopo 60 anni Gran Bretagna chiede scusa e risarcisce i Mau Mau. La rivolta contro la colonia venne repressa nel sangue nel 1952

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

915
26 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Londra, (TMNews) - Dopo oltre 60 anni il governo britannico chiede scusa ai Mau Mau e annuncia un risarcimento per le famiglie delle vittime della rivolta contro l'amministrazione coloniale cominciata nel 1952 in Kenya."Vorrei chiarire ora per la prima volta nel nome del governo di sua maestà che noi capiamo il dolore e il risentimento che prova chi è stato coinvolto negli eventi in Kenya - dice il ministro degli Esteri britannico William Hague annunciando il risarcimento di oltre 23 milioni di euro - il governo britannico riconosce che i kenyani sono stato oggetto di tortura e di altre forme di maltrattamento per mano dell'amministrazione coloniale - continua - e si scusa sinceramente per quegli abusi che hanno funestato la strada verso l'indipendenza del Kenya". I soldi andranno a 5.228 famiglie e vittime difese da un avvocato londinese (si vede in afp 13.26) che ha definito la sentenza storica.Il movimento che lottò per l'indipendenza del Kenya, ottenuta poi solo nel 1963, fu represso con la forza dai britannici: oltre 10mila persone vennero uccise dal 1952 al 1960, a migliaia torturate e mutilate, 160mila detenute in condizioni spaventose; fra loro c'era anche il nonno del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.(Immagini Afp)

0 commenti