Advertising Console

    Turchia, le proteste viste dalla Cnn: un'esplosione di rabbia. Il racconto da piazza Taksim, in protesta contro premier Erdogan

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    23 visualizzazioni
    Istanbul, (TMNews) - Dove una settimana fa c'era un sit-in pacifico di poche decine di manifestanti, per dire no alla distruzione di uno dei pochi spazi verdi nel centro di Istanbul, oggi ci sono decine di migliaia di persone. È iniziata con poche persone al parco la protesta che infiamma Istanbul e la Turchia, la più grande degli ultimi dieci anni: la Cnn parla di "un'esplosione di rabbia esacerbata dalla polizia", criticata per l'uso eccessivo della forza. I manifestanti sono stati attaccati con gas lacrimogeni e spray urticanti, racconta il corrispondente Ivan Watson, facendo esplodere la protesta. "Sono come dei mostri, non possono farlo" dice un manifestante. Nel mirino è finito anche il primo ministro Erdogan."Ha un ego gigantesco - lamenta un ragazzo - ha la sindrome di Napoleone, si crede un sultano, che controlla la politica del Medio Oriente: ma deve fermarsi e ricordare che siamo noi ad averlo eletto". Il premier ha liquidato tutto ridicolizzando le proteste e difendendo il suo operato. "Tayyip Erdogan è un dittatore? Se si può chiamare così una persona che serve il suo popolo, non ci sono parole per commentarlo" ha detto. Un'importante editorialista turca tratteggia la sua personalità. "Ha fatto grandi cose e governa bene l'economia, ma ha un atteggiamento paternalistico e pretende di sapere cosa sia bene per gli altri. Come un padre pensa di decidere sui parchi, i ponti, il verde e la Costituzione. La gente chiede solo una democrazia più inclusiva". Da Istanbul le proteste si sono estese ad altre città turche: impossibile prevedere cosa succederà.