Collezione stampe antiche di Ferruccio Ferragamo fa tappa a Roma. L'intera raccolta è esposta nella tenuta toscana del Borro

askanews

per askanews

852
45 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Una selezione della ricca collazione privata di incisioni ispirate al tema del vino di Ferruccio Ferragamo, presidente dell'omonima multinazionale del lusso, ha fatto tappa a Roma per una esposizione esclusiva di opere di Canaletto, Tiepolo, Piranesi e Manet. L'intera collezione, oltre 300 quadri, è esposta nel borgo medievale del Borro - tra Siena, Arezzo e Firenze - acquistato dalla famiglia Ferragamo nel 1993. All'interno della pinacoteca è possibile ammirare l'insieme delle opere dal Quattrocento all'Ottocento, con incursioni anche nel secolo scorso, raccolte negli anni nelle grandi capitali del commercio antiquario, come ci racconta Ferruccio Ferragamo."E' capitata l'occasione di cominciare a raccogliere una collezione di opere d'arte. Grazie alla nostra curatrice Martina, abbiamo raccolto stampe un po' in tutte le parti del mondo".Per visitare l'intera esposizione bisogna arrivare al Borro, la tenuta nel cuore della Toscana, dove si viene accolti da Salvatore Ferragamo, nipote del capostipite dell'azienda di moda italiana. "Il Borro è un posto meraviglioso, siamo a 45 minuti a sud di Firenze, alle pendici del Prato Magno, con un paesaggio veramente meraviglioso e al centro dell'azienda c'è questo piccolissimo borghetto medievale dell'anno Mille".Ma Ferragamo, oltre a moda e arte è anche sinonimo di vino, come conferma lo stesso Salvatore Ferragamo. "Siamo toscani, il vino ce l'abbiamo nel sangue, fa parte della nostra cultura. Abbiamo un vino che si chiama il Borro toscana, con uvaggio merlot, cabernet, syrah e petit verdot, un Supertuscan, il vino di punta dell azienda".

0 commenti