Il Brasile nuova frontiera dell'Occidente, parla l'esperto. Incontro con Diego Corrado, autore di "Brasile senza maschere"

askanews

per askanews

871
56 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Un Paese di cui tutti parlano, ma che forse in pochi conoscono davvero. Il Brasile, potenza emergente sullo scacchiere globale, e non solo nell'ambito dei Paesi Bric, è ancora un continente poco esplorato, che viene interpretato spesso attraverso i luoghi comuni. Per sfatare questi stereotipi l'avvocato Diego Corrado, esperto diritto internazionale e docente alla Sda Bocconi, ha scritto il libro "Brasile senza maschere", edito dall'università milanese."Il Brasile - ci ha detto - è diventato negli ultimi anni una potenza economica con istituzioni politiche forti e un'economia solida e in crescita. Tuttavia continua a soffrire di stereotipi legati ad alcuni aspetti della sua cultura popolare e della sua storia che evidentemente hanno un impatto sull'immaginario collettivo. Dietro queste però c'è un Paese con 200 milioni di abitanti, la sesta economia del mondo, che quindi non è solo questo, ma è molto molto di più".Particolarmente interessante, in un saggio che tocca molti temi, dalla televisione all'ambiente, la riflessione sul ruolo di "nuovo occidente", che il Brasile potrebbe presto assumere."Brasile e Stati Uniti - ha aggiunto Corrado - mostrano come superare il momento di stagnazione e di crisi, di ripiegamento su se stesso. Anche questo è uno dei motivi dell'impetuosa crescita del Brasile: una popolazione molto giovane, molto eterogenea, che ha al suo interno una grande forza per raccogliere le sfide della modernità".Sfide che, secondo Diego Corrado, il Brasile ha tutte le carte in regole per vincere. E non si parla solo dei Mondiali di calcio.

0 commenti