Soldato accoltellato a Parigi, il sospetto ha confessato. I suoi vicini di casa: "Era un tipo strano e solitario"

askanews

per askanews

885
23 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Parigi (TMNews) - Ha confessato l'aggressione il sospetto arrestato per l'accoltellamento di un soldato francese a Parigi sabato scorso.L'uomo che si vede in questa foto, Alexandre D., 22 anni, si era convertito alla religione musulmana ed era noto alla polizia, che lo aveva identificato nel 2009 mentre pregava in strada. Il sospettato ha ammesso le sue responsabilità nel corso del suo arresto di questa mattina nella regione di Yvelines, ovest di Parigi, in seguito all'attacco al soldato Cedric Cordiez. Secondo gli inquirenti era "abbastanza chiaro l'intento di uccidere" durante l'attacco, avvenuto nel quartiere commerciale di La Defense mentre Cordiez effettuava un pattugliamento con due colleghi. I vicini di casa di Alexandre, definiscono il ragazzo un tipo solitario. "Le persone del quartiere lo giudicano uno un po' strano - racconta un vicino - veniva spesso alla moschea, ma poi beveva molto alcol. Era scappato di casa e spesso dormiva per strada. Era un tipo un po' silenzioso e solitario". L'aggressione ha ricordato il massacro di Londra di un soldato da parte di due fondamentalisti islamici e le autorità stanno cercando di appurare se lo spirito di emulazione sia stata una delle cause dell'accaduto.(immagini Afp)

0 commenti